#Golf: Wedge Full Toe o Hi Toe, il nuovo wedge

#Golf: Wedge Full Toe o Hi Toe, il nuovo wedge

28 Marzo 2023 0 Di Jury Sini

Nel Golf il bastone è fondamentale: oggi andremo a vedere come e quando utilizzare il Wedge Full Toe.

Come sappiamo, molto spesso il talento nel golf non basta, senza l’attrezzatura e soprattutto le conoscenze sul come e in quale situazione tale strumento vada utilizzato sono essenziali per esprimere al meglio le proprie abilità. Oggi andremo a vedere con il nostro Andrea “Benny” Benassi, un Sand in particolare: il Wedge Full Toe.

Avete mai visto dei Wedge con i Groove (le righe) fino alla parte finale della faccia del bastone? Oggi andremo a vedere cosa sono, come funzionano e perché sono stati fatti i Wedge Full Toe.

Si ringrazia ClubFitting.it per averci fornito l’attrezzatura.

Feeling

Partiamo dal suono diverso rispetto ad un “normale” Wedge quando la palla viene colpita nel centro.

Peculiarità

  • Grooves da parte a parte della faccia del bastone. Servono fondamentalmente un po’ come il battistrada della macchina per aumentare l’aderenza tra palla e faccia del bastone per conservare l’attrito sulla palla soprattutto quando si apre molto la faccia del bastone e si tende a colpire la palla verso la punta del bastone. Un fatto più probabile quando la palla è sollevata dal terreno su un letto di rough e c’è più spazio sotto di essa. Visto che in questa situazione particolare la palla tende a scivolare lungo il bastone.
  •  Il Wedge Full Toe ha una conformazione fatta per aprire la faccia del bastone, con baricentro spostato sul finale della faccia del bastone, resa più piena appositamente. Questo perché tendenzialmente si dovrebbe colpire proprio sulla punta con questo tipo particolare di bastone. Per avere colpo pieno anche quando si fanno colpi tagliati.
  • Suola. Nonostante un bounce praticamente identico allo standard, i Wedge Full Toe sono strutturati in maniera leggermente diversa, essendo più smussati nella parte del tacco, in modo tale che quando si cerca di aprire la faccia del bastone, la parte più aderente sul terreno riesca facilmente a passare sotto la palla.
Wedge full Toe vs Bastone standard, differenza dal basso.

Wedge full Toe vs Bastone standard, differenza dal basso.

Sand, Wedge Full Toe: perseguire il futuro o restare fedeli alla tradizione?

Abbiamo testato per voi, con il supporto di Gigi Jannuzzelli, la differenza tra un sand di uso comune e il nuovo arrivato Wedge Full Toe. Vogliamo valutare se in situazioni standard abbia performance paragonabili ad un wedge standard e se abbia dei casi in cui si riveli migliore. Sicuramente il suo baricentro spostato più in alto e verso la punta modifica il feeling e quindi può infastidire i giocatori più sensibili.

Il test sull’uscita dal bunker, molto corta è buono, il bastone standard arriva a circa mezzo metro, mentre grazie alla suola il Wedge full Toe riesce a performare poco meglio, quasi imbuca, ma ciò secondo Gigi non è per forza legato alle peculiarità del wedge. Sostanziale pareggio.

Cercando di prendere la palla con un colpo “standard”, quindi non sul finale della faccia, ma in centro, si ha un feeling strano, come se si fosse presa la palla male. Questo perchè il centro del bastone è posizionato più verso la punta. Con baricentro più in alto e leggermente più a destra. Direte, questione di abitudine? Molto probabile.

Il wedge Full Toe nascono comunque per situazione occasionali, in cui bisogna aprire di molto la faccia.

Lo Scuzzo (colpetto da usare con palla non messa benissimo in fairway o rough), il Test:

Cos’è lo Scuzzo? vedi Quì: LO SCUZZO “Il colpo di approccio che salva da ogni situazione” 

Considerate che, sempre per questione di baricentro leggermente spostato, il Wedge Full Toe destabilizza un po’, bisogna conoscerlo bene, per cui bisogna imparare a giocarlo in situazioni in cui può fare la differenza. In questo caso non ha dato il meglio di se il nostro nuovo Sand. Punto al wedge standard nella prova scuzzo.

Una zona in cui può rendere sicuramente maggiormente il Wedge Full Toe, è quella del Super Lob.

Nella situazione in cui si manchi il green e si finisca in una zona con un po’ di rough e la palla un po’ sollevata. Gigi lo chiama rough “croccante”. Via di confronto con i due 58°.

test wedge full toe: Gigi e il raft croccante

test wedge full toe: Gigi e il rough croccante.

Il 58° standard colpisce molto in alto, quasi al limite dei groove. Mentre il 58° Wedge Full Toe finalmente esprime il suo potenziale, nella situazione perfetta per lui. Il colpo in questo caso vola che è una bellezza, dando un rumore davvero piacevole.

 

Considerazione finale sul Wedge Full Toe.

Il Wedge full Toe è un sand che regala molte opzioni di gioco, utile per sbrogliare al meglio qualche situazione tediosa. Come per ogni bastone la differenza lo fa il nostro stile di gioco, la nostra capacità di imparare ad usare al meglio ogni bastone che inseriamo nella sacca.

Può essere quindi utile? Innanzitutto DIPENDE, certo, avere un bastone versatile può aiutare. Rende i colpi per cui è stato studiato più facili e divertenti. Bisogna essere anche bravi a capire quale bastone è migliore per un determinato tipo di tiro e per le nostre abitudini ed abilità.

E’ essenziale? Ovviamente no, può essere molto utile, ma ci sono tante variabili personali da valutare, partendo dal Campo che si frequenta più spesso per arrivare al proprio gioco e alle proprie capacità di integrare questo tipo di sand nella sacca. Se spesso si manca il green e ci si trova nel rough ispido o si ama giocare palle tagliate ed alte da quasi tutti i lie allora questo bastone può fare la differenza, ma rimane comunque non essenziale. Sconsigliamo di usarlo solo nei colpi pieni dove il suo baricentro non ottimizza il volo e si rischia di “sballare” il proprio feeling e portarsi questo anche sui bastoni che compongono il resto della sacca.

Aggiungereste questo Sand alla vostra sacca? Sarebbe comodo con il vostro gioco? Fatecelo sapere!

 

Vi ringraziamo come sempre, per il vostro supporto e se anche voi amate il golf come noi, venite a parlarne e approfondire nei nostri video. 

Ci trovate anche su:

Autore

  • Jury Sini

    Nasce per passione la mia presenza sui social che si trasforma tramite impegno e studio in un qualcosa di più! Creando realtà con bacini di utenza di oltre 300000 persone tra pagine e gruppi. Tante passioni unite alla voglia di condividere e confrontarsi!