Swing Bello o Ripetibile – 768

6 Giugno 2023 0 Di Jury Sini

E’ meglio uno Swing bello o prevedibile?

Domanda da un milione di dollari si sa: meglio pescare il jolly con un colpo dall’impatto spettacolare e fare un  tiro inaspettato o magari un colpo prevedibile e che soprattutto riusciamo a replicare??

Avere un buon impatto è sempre una gran soddisfazione, anche se magari non ci aspettiamo la distanza finale, con altezza, volo e rotolo inaspettato. Già solo per ego saremo tentati di far pensare che sia tutto calcolato e non un regalo della dea bendata. Partendo dal rumore del colpo, l’ebrezza di averlo preso bene è unica, anche se poi si finisce in out dietro al green.
Però un colpo se non è replicabile e se non è prevedibile è un colpo che tendenzialmente non ci stà servendo un granché, questa situazione capita spesso a chi si allena molto al campo pratica. Questo tipo di giocatore si concentra sul prendere bene la palla, tralasciando magari il resto, entrando in una spirale simile al gioco d’azzardo, cercando di replicare la sensazione e l’ebrezza del bel colpo e del rumore perfetto che al fine del gioco serve a ben poco.

Un problema che può nascere e anche quello di entrare nel mood di ricerca il bel colpo ma, non essendo replicabile, non riusciamo più ad avere una visione oggettiva del colpo standard, venendo a percepire i colpi “sbagliati”  come se fosse il nostro colpo usuale portandoci quindi a sbagliare i calcoli di arrivo nella maggioranza dei colpi presi mediamente bene, un fattore psicologico non da poco.

Vincere o cercare il “colpo preso bene”?

Se la maggior parte dei colpi che faccio, sono colpi magari sporchi, non presi perfettamente ma rimangono utili e prevedibili ci si gioca e spesso ci si vince, d’altrocanto se tralasciamo il gioco per entrare nella roulette dell’impatto perfetto e poi la palla va quasi in un altro campo capite bene che il gioco non vale la candela, anche se alcuni entrati in questa modalità di pensiero, non si accorgono di star uccidendo il proprio gioco.

Step by Step

Prima di voler diventare giocatori che colpiscono “bene” la palla dovremo cercare di diventare giocatori ripetibili, ovvero ottimizzare il colpo e conoscerci così da conoscere le nostre capacità e cercare di avere un minimo di strategia, evitandoci brutte sorprese. Sapere anche cosa ti succede mediamente è fondamentale. Per esempio se so che la mia palla si apre a destra e mi posiziono in base a questo (senza esagerare ovviamente) ottimizzo il colpo ed è più probabile fare una buona performance.

Uno degli errori peggiori è aspettarsi un colpo e poi fare l’opposto, pensate se vi aspettate la palla vada a destra e invece finisce a sinistra, rischiereste di buttare una partita. Peggio di questo c’è solo il “Double Cross”, ovvero tirare apposta per esempio a sinistra perché ci si aspetta una palla che giri a destra e poi questa gira a sinistra.

Un errore che si fa spesso in allenamento è concentrarsi solo sul colpire bene la palla e sul volo dritto piuttosto che ragionare su dove volevamo mettere la palla. Ho mandato la palla lo stesso a bersaglio anche con un mezzo liscio? La priorità è il colpo utile.

Ampiezza media e distanza media colpi

Dispersione e distanza media colpi Trackman by Clubfitting

Un aiuto fondamentale è calcolare la media dei propri tiri, la dispersione media, la rosa media in ampiezza e la distanza media che raggiungiamo solitamente rispetto al ferro che stiamo usando e con quale siamo più precisi. Quanto è a destra e a sinistra rispetto a dove pensavo arrivasse. Questo per prevedere dove finirà la palla prima di tirare. Questo tipo di servizio lo offre Clubfitting per creare il bastone più adatto possibile al tuo gioco.

E voi siete giocatori prevedibili o amate il rischio? Fatecelo sapere!!!

#Cista

Vi ringraziamo come sempre, per il vostro supporto e se anche voi amate il nostro fantastico sport, venite a parlarne e approfondirlo nei nostri video. 

Ci trovate anche su:

18 Pillole di curiosità sugli Augusta Masters, vediamo quante ne sai!

Sei nuovo, ci presentiamo:

B2G: Chi siamo?

Autore

  • Jury Sini

    Nasce per passione la mia presenza sui social che si trasforma tramite impegno e studio in un qualcosa di più! Creando realtà con bacini di utenza di oltre 300000 persone tra pagine e gruppi. Tante passioni unite alla voglia di condividere e confrontarsi!