“Tutti in campo con Lotti!!” e l’importanza per il golf

15 Marzo 2024 2 Di Jury Sini

“Tutti in campo con Lotti!!” il cartone animato (o l’anime per i puristi) che ha avvicinato tanti al Golf!

Per alcuni è stato un amico, per altri l’amore a prima vista, per altri ancora la famiglia… ma per molti l’amore o per lo meno la curiosità di provare il golf è nata grazie ad un cartone animato… ovvero “Tutti in campo con Lotti”.

SPA-GHE-TTI”

Tutti in campo con Lotti adattamento italiano di Ashita tenki ni naare, lett. “Speriamo che domani sia sereno” è un anime giapponese prodotto nel 1984, diretto da Hiroyoshi Mitsunobu ed ispirato all’omonimo manga di Tetsuya Chiba che ha per protagonista Lotti (Taiyo Mukai nella versione originale), un giovane giocatore di golf.

Siamo nel 1988 quando arriva in Italia per la prima volta la storia di questo adolescente, dopo il successo di “Holly & Benji” e “Mila & Shiro” infatti si apre la porta ad altri Spokon (anime sportivi) e qui troviamo il nostro Lotti in 47 episodi, che sogna di diventare un campione ed eccellere nel golf. La sua ascesa sarà però particolarmente ardua e ricca di imprevisti.

Sappiamo che per la maggior parte di voi non servono presentazioni, anzi qualcuno avrà preso in mano il suo primo bastone proprio grazie a questa opera…

Forse servirebbe proprio ora, soprattutto in Italia, una nuova opera del genere che faccia avvicinare i più giovani al golf.

In questo momento storico, dove si parla tanto di reinventare il golf per renderlo più appetibile ad un pubblico più giovane ed ampio, sarebbe fantastico avere una opera aggiornata che faccia appassionare i bambini al nostro amato sport.

“Tutti in campo con Lotti” tanti valori trasmessi, non solo a livello sportivo.

Facciamo un piccolo sunto della trama:

Nel tipico stile degli anime degli anni ’80, “Tutti in campo con Lotti” porta con sé un passato tragico che segna il protagonista e ne stravolge la vita quotidiana.

Il giovane Lotti, orfano di padre, si trova a vivere con una madre che fatica a sbarcare il lunario per lui e i suoi tre fratelli. Determinato a contribuire al sostentamento della famiglia, Lotti si impegna in lavoretti, praticamente senza mai fermarsi e lamentarsi coglie tutte le occasioni lavorative che trova, uno di queste è un impiego come cameriere in un lussuoso campo da golf.

Un giorno, mentre lavora, Lotti viene sfidato sul green da uno dei figli di papà presuntuosi che frequentano il club. Non avendo mai giocato a golf prima, Lotti si ritrova improvvisamente a colpire la palla con una potenza e precisione sorprendenti, un po’ surreale visto ora… ma da bambini immedesimarcisi era bellissimo, mandandola a oltre 130 metri di distanza.

Questo momento segna l’inizio di una nuova avventura per il giovane, poiché comprende che il suo destino è quello di diventare un golfista professionista.

A differenza dei protagonisti glamour come Shiro o Holly, Lotti è un ragazzo cicciotto e dal volto comune, il che lo rende ancora più affascinante.

Con il sostegno dei suoi amici e gli insegnamenti di un ex campione americano, immancabile in questo genere di opere, Lotti si impegna a migliorare le sue abilità nel golf con il suo iconico “SPA-GHE-TTI” urlato poco prima dell’impatto.

Quindi attraverso il duro lavoro e la determinazione, il giovane golfista si fa strada fino alla vetta, sfidando i grandi nomi agli U.S. Open e dimostrando che anche chi viene da umili origini può raggiungere grandi traguardi.

Per chi non ha vissuto l’opera può sembrare un qualcosa di banale e addirittura stereotipato ma chi ha avuto la fortuna di non perdersi una puntata ha appreso l’amore per il golf e tanti valori utili ogni giorno come il non arrendersi mai, impegnarsi a costruire il proprio sogno, essere umile e gentili con il prossimo e sempre sorridenti anche nelle difficoltà. 

 

Una curiosità per chiudere:

Anche Tiger Woods ha condiviso più volte di essere stato un fan della serie, in particolare, ha espresso una simpatia speciale per il personaggio di Jordan (Victor nell’adattamento italiano), l’unico avversario afroamericano del protagonista.

Inizialmente, Victor viene sottovalutato e oggetto di scherno dagli altri giocatori, ma attraverso la sua perseveranza e abilità sul campo da golf, conquista gradualmente l’ammirazione e il rispetto di tutti.

Jordan, con il suo talento e la sua determinazione, dimostra che le barriere razziali e sociali possono essere superate attraverso il merito e il duro lavoro, ispirando a credere nei propri sogni e a lottare per raggiungerli.

La narrazione di Jordan in “Tutti in campo con Lotti” diventa così un potente messaggio di inclusione, speranza e resilienza.

Ecco perché ogni tanto sarebbe utile un rewatch di Lotti e le sue sfide per riapprendere qualcosa che magari con il tempo abbiamo perso o si è affievolito…

E voi lo conoscevate? lasciateci un commento sulla vostra esperienza!

 

Vi ringraziamo come sempre, per il vostro supporto e se anche voi amate il nostro fantastico sport, venite a parlarne e approfondirlo commentando i nostri video. 

Per non perdere nessuna #news e poter partecipare al #RatTrap iscriviti alla #newsletter!!!! #cista

Ci trovate anche su:

18 Pillole di curiosità sugli Augusta Masters, vediamo quante ne sai!

Sei nuovo, ci presentiamo:

B2G: Chi siamo?

Sai che abbiamo uno #Shop B2G??? cosa aspetti a prendere la tua maglietta personalizzata!!!

Clicca quì per acquistare!!

Autore

  • Jury Sini

    Nasce per passione la mia presenza sui social che si trasforma tramite impegno e studio in un qualcosa di più! Creando realtà con bacini di utenza di oltre 300000 persone tra pagine e gruppi. Tante passioni unite alla voglia di condividere e confrontarsi!